Risvegliamo la coscienza?

Ci stiamo preparando per un corso, che ci accompagnerà fino a Maggio. Ha un titolo complesso, che scatena sempre le nostre paure: “CONOSCI TE STESSO – Corso di risveglio della coscienza”.

Si risveglia la coscienza a tutti coloro che sono animati da spirito civico, che ad un certo punto “scendono un campo” per fare qualcosa per gli altri e cambiare le cose.

Si risveglia la coscienza a tutti coloro che ad un certo punto ricevono l’illuminazione e decidono di vederci  bene e capire quale sia il contesto attorno a loro.

Tutte e due le famiglie di persone sono animate dallo stesso movente, qualcosa dentro di loro si è interrotto e acquistano il coraggio di fare le cose. Non sono coloro che necessitano di questo corso. Questa iniziativa è dedicata a tutti gli altri: tutti quelli che pensano che le cose funzionino sempre alla stessa maniera e basta sopravvivere nel mentre.

La presentazione di questo corso recita:

Il percorso verso la conoscenza di se stessi è sempre stato un’avventura emozionante e piena di sorprese.

E’ l’esplorazione più avvincente che l’Essere Umano possa intraprendere.

Chi ha cominciato un percorso di Crescita Personale si chiede spesso perché i bambini non vengano educati fin da subito ad esplorare emozioni e pensieri, aprirsi a possibilità che vanno oltre l’aspetto puramente fisico della materia.

Spesso siamo troppo “distratti” dalla vita quotidiana per domandarci il perché stiamo vivendo proprio quella vita; quella stessa vita che ha preso il sopravvento su di noi, e sembra che ci “viva” a prescindere dalla nostra volontà.

Noi però, nella maggioranza dei casi, non abbiamo la minima idea di come si faccia a vivere!

Abbiamo imparato a vivere guardando gli altri, imitando modelli che spesso si so

no rivelati fallimentari, senza una spiegazione sul come, dove, a che punto, le cose hanno preso una piega sfavorevole

.

I temi che verranno trattati contengono aree come le seguenti:

  • Libero Arbitrio
  • Lavoro su di Sé
  • Osservazione
  • Meccanicità delle cose
  • Macchina Biologica Umana
  • Coscienza
  • Meccanismi di Comunicazione
  • Corpi Sottili
  • Centri Energetici
  • Mente
  • Emozioni
  • Cervello
  • Pensiero Verticale
  • Principio e Manifestazione
  • Identificazione e Sofferenza
  • Legge di Compensazione
  • Frammentazione dell’ Io
  • Fisica Quantistica
  • Principi Di Creazione
  • Malattia
  • Coppia.

Mi pare che siano temi tanto ragionevoli, che spesso hanno a che fare con il buon senso. Quante volte non teniamo conto di come ragiona la nostra testa e ci fa fare sempre gli stessi errori? Parlando quindi della nostra mente arriviamo allora alle nostre emozioni che sai che sono il motore dei nostri pensieri per quanto siamo posati e logici nel nostro ragionare.

E allora perché un corso del genere produce della repulsione? Per tutti coloro che ci hanno marciato sopra, per tutti coloro che parlano di un cambiamento usando parole che conoscono bene e che usano per il loro tornaconto. Secondo loro cambiamento inizia da noi, ma lo producono loro perché devi tornare per la puntata successiva.

Il cambiamento inizia da noi, il risveglio della coscienza inizia da noi, andando a questo corso, decidendo di cambiare bar la mattina per la colazione, facendo una carezza in più al nostro compagno di vita.

Forse è un post commerciale, non mi interessa, basta venire anche solo una volta, quella giusta nel calendario allegato. O leggere solo questo post e animati dal fatto che raccontiamo le stesse balle che dicono tutti gli altri, si genera il cambiamento senza venire. Eh eh…

[button link=”http://www.unique-verse.org/wp-content/uploads/2013/09/corso_risveglio_coscienza_volantino_2013_Torino.pdf” type=”icon” newwindow=”yes”] Scarica il calendario del corso[/button]

 

 

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>