I mali d’inverno e le cure naturali

Ci siamo stati e la prossima settimana siamo pronti per una nuova conferenza, quella sui rimedi naturali con Loredana Matonti. E intanto che prepariamo tutto mi vengono alcuni pensieri sugli ALTRI, i rimedi NON naturali, quelli che escono dalla filiera dello stabilimento chimico.

Loredana ci raccontava quanto è stato difficile cercare tutti i rimedi per le valli del Piemonte che saranno nel corso (e nel libro che sta impaginando per le stampe), non tanto per la laboriosità delle ricette ma per il fatto che il giorno in cui sono arrivati i medicinali chimici tutti hanno smesso di usare i metodi naturali.

Tutti hanno perso immediatamente la memoria (tranne qualche nonna cocciuta) davanti a mezzi troppo comodi e troppo immediati, capaci di togliere il problema nel giro di poco. Talmente facile curarsi da creare lo schiavismo delle “medicine”. Basta fare una ricerca su Google per accorgersi di quante siano le campagne nate anti-spreco dei farmaci. E sapete perché?

Se ho mal di testa prendo la pastiglia di quel colore, e se le finisco… meglio fare la scorta! Poi ho male alla schiena prendo quell’altra pastiglia, ho l’acidità di stomaco prendo ancora una bustina ecc… E se mi viene ancora male alla pancia? La scorta, certo.

Poi tutto questo materiale di sintesi fa bene? Non lo usiamo con leggerezza? Eppure anche prima si curava una indigestione o la febbre con le erbe e tutto andava bene. Che sia anche perché le case farmaceutiche amano maggiormente vendere che curare?

Ok, come dice Loredana (e anche Crozza!) moderiamo i toni, molte delle grandi malattie mortali di allora adesso non hanno futuro proprio grazie alla medicina moderna, ma ancora sarebbero da fare dei distinguo.

La cosa che abbiamo trovato tanto interessante di questo seminario in sei puntate è il fatto che attorno a noi ci sono tanti rimedi della natura, di una natura ha pensato a noi dandoci da mangiare, dandoci cibo, conoscenza su come usare tutto il ben di dio che ha creato (che strana parola “ben di dio”). Tutta questa conoscenza c’è da sempre, ed invece siamo sempre a prendere qualcosa che ci aiuti, che faccia subito, basta andare nel mobiletto dei medicinali. Medicine che prendiamo costantemente, per quell’influenza cronica che ci attanaglia tutto l’inverno. Medicine che curano il sintomo ma non migliorano la vita, ne attutiscono i colpi.

Non fa sentire liberi sapere che sappiamo come fare e forse anche gratis? Non fa sentire liberi che per certi mali d’inverno possiamo scegliere cose naturali? Lo sapete che ci sono antibiotici naturali?

Personalmente mi fa sentire molto bene, mi fa sentire libero di sapere che cosa fare. Andare dal dottore diviene un diritto, non un obbligo. Perché so che fare appunto.

Sono solo considerazioni nate dalla precedente conferenza e sulle aspettative del corso che sta per cominciare sulla medicina naturale e popolare. Avremo occasione di riparlarne. Il viaggio di conoscenza continua.

Per coloro che vogliono partecipare:

 

 

LE CURE NATURALI AI MALI D’INVERNO

Conferenza introduttiva a ciclo di serate con Loredana Matonti – Giovedì 15 Novembre, ore 21.00

Conferenza introduttiva a ciclo di serate con Loredana Matonti – Mercoledì 28 Novembre, ore 21.00

Via Paolo Gaidano, 109/21b-23b – TORINO

Arriva l’inverno! con raffreddori, sinusiti, bronchiti ecc… Un inedito corso per imparare a curarti a casa tua, basato su una ricerca sulle erbe medicinali attorno a casa nostra in Piemonte. Risparmia soldi usando le proprietà della natura. Per tutti, con pochi semplici gesti (come faceva la nonna) esplora il fantastico mondo delle erbe medicinali.

Ciclo di serate sulla medicina popolare con Loredana Matonti – Tutti i mercoledì ore 21.00

Via Paolo Gaidano, 109/21b-23b – TORINO

(28/11) Presentazione e premessa

(05/12) Medicina ippocratica

(12-19/12  –  09/01/2013) Le erbe medicinali nostrane che non devono mancare in casa in inverno. Tre lezioni.

(16/01/2013) I prodotti dell’alveare e i “mai più senza”

 

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>