Qui, adesso, provalo!

C’è una frase che ricorre costantemente e che recita più o meno come segue: “Non ti chiedo di credere a quello che ti dico. Ti chiedo di provare per farti un’idea.”

Sono le parole che ho trovato qualche tempo fa nelle pagine di Conversazioni con Dio. Un dialogo fuori del comune: 1, un libro non tanto tosto per il contenuto, ma per lo scontro che abbiamo (noi, sempre noi quelli occidentali con il parroco sempre alle calcagna) con la parola Dio.

Ma sono anche i principi della meditazione, delle pratiche di focalizzazione, anche di quelle di gruppo in cui, perchè nel tempo sono sempre più convinto che siamo parte di una cosa sola, gli altri sono specchio di noi stessi.

Sotto ci sono due stralci delle attività di questa settimana che faremo con Prafulla Stefania Contu, nostra ospite nelle attività dell’associazione. Sono testi presi dal suo sito.

 

LA MEDITAZIONE

[box type=”info”] Dall’08 Ottobre 2012 ore 18.30 – tutti i lunedì  – TORINO – Via Paolo Gaidano 109/21B-23B[/box]

Per chi vuole partecipare è necessario venire in abiti comodi, calzettoni, con una copertina e bottiglietta d’acqua.

http://www.stefaniacontu.com/attivita/meditazione/

La mente agitata e la mente quieta non sono due cose distinte. Un lago agitato dal vento e pieno di increspature, e un lago tranquillo senza increspature, sono lo stesso lago.
Essere un buddha o non essere un buddha sono due aspetti della medesima consapevolezza. Sei tu a decidere se rimanere fuori o andare dentro di te, almeno una volta ogni tanto. Perchè, se ci vai anche solo una volta, sarai una persona diversa, anche esternamente. Il sapore dell’interiorità, il suo profumo, si trasmetteranno attraverso di te: attraverso i tuoi gesti, i tuoi occhi, le tue parole, i tuoi silenzi. Tutto sarà segno che hai trovato qualcosa che agli altri manca. La meditazione ti libera dal corpo e dalla mente. E non con la lotta, ma solo con il non essere identificato. Se rimani silenzioso e consapevole, presto ne sarai libero, li avrai trascesi entrambi. Questo trascendere, questo osservare dalla collina, è il riconoscimento della tua natura di buddha.

Osho

CHE COS’È?
La meditazione è un processo di disidentificazione che ci permette di tornare a casa dentro noi stessi, di tornare nel nostro proprio centro, là dove risiede il nostro sé autentico!
La meditazione semplicemente accade quando abbiamo preparato il terreno affinché possa accadere!
Perché la meditazione accada è necessario diventare consapevoli della propria mente e del suo funzionamento. La mente non si ferma mai, è in costante attività, e noi siamo arrivati a credere di essere la nostra mente, i nostri pensieri. Ma non è così! Le tecniche di meditazione di Osho, attive e non, ci aiutano a scoprire che siamo molto di più della nostra mente.
La meditazione non è, tuttavia, contro la mente. È semplicemente lo spazio in cui possiamo scoprire chi realmente siamo. Con la meditazione la mente si quieta, diventa più lucida e passa ad essere al nostro servizio anziché dominarci.

 

COSTELLAZIONI SPIRITUALI

[box type=”info”] 11 Ottobre 2012 ore 21.00 – conferenza gratuita – TORINO – Via Boccherini 31Bis[/box] 

http://www.stefaniacontu.com/attivita/costellazioni-spirituali/

Le Costellazioni Familiari sono il frutto del percorso personale e professionale del terapeuta tedesco Bert Hellinger.
Si esprimono attraverso una messa in scena di tipo “teatrale” del sistema al quale il cliente appartiene. Sia esso sistema familiare, lavorativo o quant’altro…
Con questa tecnica è possibile portare alla luce eventi accaduti nel passato, dimenticati o rimossi a causa della loro difficoltà e che rimanendo nel sottobosco della vita di ognuno, la influenzano, appesantendola e distraendola dal proprio scopo essenziale.

Non siamo isole! Nelle nostre cellule si annida il vissuto di tutti i nostri antenati e di tutti coloro che con essi si sono profondamente incontrati. Questi vissuti chiedono si essere guardati nella loro verità e nella loro dignità, per quelli che sono!
È nostro compito lasciar cadere le immagini che abbiamo frapposto tra noi e la realtà ed aprirci con cuore puro all’amore che tutto comprende e tutto guarisce.

Le Costellazioni Familiari nella loro forma evoluta del Movimento dello Spirito sono divenute un vero e proprio percorso spirituale.

L’obiettivo non è più quello di risolvere un problema quanto piuttosto quello di sintonizzarci col Movimento dello Spirito affinchè ciò che è essenziale per la nostra crescita possa accadere.
Per poter affrontare questo lavoro è fondamentale lasciar cadere l’attitudine logica che cerca le connessioni lineari causa/effetto ed aprirsi ad una percezione più ampia di immagini e sottili movimenti che ci conducono in modo silenzioso al passo successivo.

 

[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.unique-verse.org/wp-content/uploads/2012/10/prafulla-stefania-contu.jpg[/author_image] [author_info]PRAFULLA STEFANIA CONTU
Appassionata ricercatrice della verità, da oltre dieci anni dedica la propria vita alla meditazione e a diverse tecniche di crescita della consapevolezza. Abbandonata la professione di avvocato, dal 2007 si dedica con totalità e amore alla conduzione di incontri di MEDITAZIONE, offre sessioni individuali e gruppi di VOICING® e di Costellazioni Familiari anche nella nuova forma elevata delle COSTELLAZIONI SPIRITUALI, e offre sessioni individuali di RICONCILIAZIONE con il metodo dell’abbraccio e CORREZIONE DELLA NASCITA secondo il metodo di Irina Prekop. Ha conseguito il diploma di VOICING® Practitioner presso il VOICING® INSTITUTE, e il titolo di Mediatrice nelle Costellazioni Familiari presso l’ALCI. Attualmente sta concludendo la specializzazione in COSTELLAZIONI SPIRITUALI presso la HELLINGERSCHULE HELLINGER SCIENCIA®. http://www.stefaniacontu.com/[/author_info] [/author]

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>