Oloquantica: sanare il dolore delle cattive esperienze

Oloquantica: sanare il dolore delle cattive esperienze – C/O “Galleria Tirrena” I-10121 – Via Arsenale, 27  TORINO

Vi siete mai chiesti come mai la paura dei cani nata da una brutta esperienza ci fa sentire male alla presenza dell’animale negli anni successivi? È tutto passato ma quando arriva il cane inziamo a sudare freddo! Come mai?”.

 

È la frase di apertura che Carla Fleischli Caporale ha usato per dare inizio alla conferenza dello scorso 2 Marzo.

E su questo esempio, grazie al supporto di Progetto So.l.e., la neonata Unique-Verse, Associazione Culturale ricercatrice nel benessere psicofisico l’ha invitata nuovamente il prossimo 5 Aprile 2012 alle ore 21.00 presso la “Galleria Tirrena” di via Arsenale, 27 (Torino) per una nuova conferenza introduttiva aperta a tutti su “Oloquantica: sanare il dolore delle cattive esperienze”.

 

E’ stata invitata nuovamente a dare una risposta e a parlarci di un metodo capace di fare qualcosa.

Attraverso l’ascolto di suoni “particolari” (i Suoni Oloquantici) e l’assunzione di acque “informate” (Acqua Oloquantica) possiamo lavorare e sciogliere queste tossine emozionali.

Non è una medicina, ma una complessa cooperazione di elementi che ci riportano in una dimensione più naturale, situazione che man mano abbiamo perso nella nostra frenetica vita moderna.

E’ un processo affascinante che ricorda gli studi Olistici di Masaru Emoto (http://it.wikipedia.org/wiki/Masaru_Emoto) sul passaggio delle informazioni alle acque oltre all’effetto dei suoni sulla nostra coscienza.

Alla conferenza introduttiva sarà possibile ascoltare i Suoni Oloquantici e comprendere come questa metodica è nata. Chi lo desidera potrà aderire al gruppo di studio che si riunirà una volta al mese dal 6 aprile successivo, per iniziare questo processo normalizzazione e condividere i risultati.

 

Questo di Oloquantica è il secondo evento che avviene grazie al supporto dell’Associazione Progetto SO.L.E. – Solidarietà, Lavoro, Economia – nata appositamente per aiutare le organizzazioni di volontariato a diventare soggetti attivi con l’acquisizione dei più moderni strumenti di investimento con la speranza di una lunga collaborazione. (http://www.progettosole.org)

 

[author] [author_image timthumb=’on’]http://www.unique-verse.org/wp-content/uploads/2012/02/carla-fleischli-caporale-low.jpg[/author_image] [author_info]Carla Fleischli Caporale
Laureata in pedagogia ed educatrice è esperta nel comportamento e tecniche di comunicazione relazionale. Giornalista e scrittrice, si occupa di studiare e analizzare le ricerche scientifiche svolte nel campo del benessere psico-fisico. Per la sua esperienza e applicazione di queste nuove metodiche dal loro nascere, oggi offre diversi incontri di consapevolezza sull’astrologia dell’anima, da lei sviluppata per comprendere le ragioni del nostro essere incarnati, e di Oloquantica, per la detossinazione delle memorie cellulari per riconoscere e sbloccare i codici interiori negativi. Tra le sue opere maggiormente conosciute si riporta “La via del Guerriero” (Verdechiaro Edizioni) in cui è stata tra i primi a raccontarci dei primi Uomini di Medicina nativi americani arrivati in Europa. Il suo sito:http://www.evolutivity.info.[/author_info] [/author]

 

Oloquantica: sanare il dolore delle cattive esperienze

C/O

“Galleria Tirrena”

I-10121 – Via Arsenale, 27
TORINO

 

Conferenza introduttiva aperta:

Giovedì 5 Aprile 2012, ore 21:00-23:00

 

Per informazioni:

Associazione Unique-Verse – info@unique-verse.org – +393476027045 / +393346291355

 

[button link=”/wp-content/uploads/2012/03/CS-Oloquantica-Unique-Verse-20120405.pdf” type=”icon” newwindow=”yes”] Scarica il comunicato[/button]

 

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>