La spazzolatura

Ho imparato ad usare questa tecnica il sabato mattina con il mio compagno. Io la faccio a lui e lui a me.

Mediamente succede che i nostri corpi si calamitano, non riusciamo a stare lontani l’uno dall’altro e il sabato mattina si chiude con la condivisione di tutto il piacere possibile oltre che un riposo talmente profondo da essere completamente rigenerati.

Non è assolutamente necessario essere in due per farlo, le potenzialità di questo metodo sono grandi anche se fatte da soli. Sotto riporto il video con il metodo da applicare per la spazzolatura del corpo con quella in setole naturali dell’abate Kneipp.

Che sia suggestione o meno, la Spazzolatura è veramente quanto mi ha raccontato un amico di vecchia data che ho rincontrato dopo tanti anni.

Lui si chiama Davide Guzzon, come di dice in gergo, più che goriziano è gradese doc, laureando in medicina naturale all’università di Udine. Sotto la tecnica di cui parliamo che ha registrato e pubblicato nel suo blog.

 

LA SPAZZOLATURA

 

[tube]http://www.youtube.com/watch?v=bvO0Spzx7hE[/tube]

 

L’indirizzo del blog è http://lavocedellaspazzola.blogspot.com/da cui estraggo un piccolo passo che accenna alla storia della spazzolatura.

È una pratica Idroterapica che all’abate Kneipp stava a cuore, suggeriva ai suoi pazienti di utilizzare con frequenza la Spazzola per il corpo, giacché risulterebbe una pratica dalla sorprendente efficacia, per la sua semplicità e per l’immediata reazione sulla pelle e di conseguenza su tutto l’organismo.

La pratica richiede l’utilizzo di una spazzola di setole naturali, con manico di legno.

La spazzola è uno strumento semplice, ma molto efficace per la cura della propria salute. Come pratica igienica si utilizza la spazzola direttamente sul corpo a secco, o in vasca da bagno.

Dalla testimonianza di alcune antiche tradizioni, si dice: che la SPAZZOLATURA, accompagnata dal respiro diaframmatica, (l’Aria nutre), abbia un’influenza sul rinnovamento del pensiero “positivo”, giacché nutrirebbe le cellule cerebrali e con esse le ghiandole di tutto l’organismo. Inoltre l’influenza dell’aria nella pratica sembra che determini una miglioramento del portamento fisico e con essa un’influenza sulla psiche. In più avrebbe una fondamentale influenza sulla circolazione sanguinea e linfatica, e aiuterebbe a migliorare gli equilibri ELETTRO – MAGNETICI del corpo, (che poco si conosce). La pratica regolare, della spazzolatura del corpo, può aiutare a passare da una depressione ad un gioioso ottimismo. I Medici del Palatini Terme dicono che è in grado di sollevare la capacità di resistenza del corpo e quindi di temprarlo, proteggendolo dalle malattie, aumentando le difese immunitarie, stimolando la circolazione e il ricambio del corpo. La spazzola può essere utilizzata da piccoli, da giovani e da grandi, non ha età. Non ha confini di cultura, di religione e di linguaggi. È una pratica che va al di là delle differenze e può essere accompagnata a qualsiasi altra pratica della cura del corpo.

 

Anche in questa pagina Davide assieme ai suoi collaboratori spiega meglio il funzionamento tramite l’uso che viene già fatto in un centro benessere.

 

I BENEFICI

In questo viaggio ho già conosciuto meditazioni capaci di rilasciare emozioni (cosa di cui parleremo ancora non in termini propriamente meditativi ma di linguaggio del corpo, cosa cambia? che mediamente chi ti racconta la cosa non ha una camicia a fiori e i tatuaggi ma una giacca ed una cravatta) e tutte quante parlano della pelle come uno degli organi di senso maggiormente esteso di tutto il corpo.

Nell’Aum Meditation, percorso emozionale introdotto da Osho, c’è il suggestivo passaggio della danza degli amanti in cui il toccarsi, lo scambiare energie tramite la carezza, ha effetti molto intensi.

Come trovare la spazzola giusta? Pare che non sia tanto facile il reperimento, scriveteci.

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>